Blog

Il Carnevale di Venezia

Durante una visita guidata di Venezia nel periodo di Carnevale tra le tante maschere variopinte e spettacolari può capitare di vederne alcune molto originali. La nuova creazione di Rossana Molinatti
L’artista veneziana Rossana Molinatti anche quest’anno, come ormai da decenni, propone un costume che rivela la sua personale interpretazione di un’opera famosa.

La lezione di ballo
Il dipinto scelto quest’anno è “La lezione di ballo” di Edgar Degas.


 La lezione di ballo (Edgar Degas, 1873-1875)

Su di una struttura metallica che fa da supporto, Rossana ha appeso una stoffa appositamente stampata con lo sfondo del celebre quadro del maestro francese nella parte anteriore ed un’orchestra in quella posteriore. Tutto intorno ha elegantemente disposto bamboline vestite da ballerine classiche, a ricreare l’atmosfera di una lezione di balletto classico.


 Il costume di Rossana ispirato a Degas

Le ballerine
Le bamboline più piccole sono in plastica, ma tutte indossano dei costumi cuciti appositamente dalla nostra artista. Quelle più grandi sono invece state create a mano con la cartapesta, e vestite con tutù realizzati con innumerevoli strati di tulle, con fiocchi che nel colore riprendono esattamente quelli del dipinto. Un elemento prezioso di queste ballerine è il viso: ogni volto è stato interamente dipinto a mano da un carissimo amico di Rossana, l’illustratore e scrittore veneziano Paolo Mameli, che sfilerà in questi giorni assieme alla nostra artista indossando un costume da Procuratore, cucito naturalmente dalla stessa Rossana.


 Dettaglio con ballerine

Da notare i dettagli di queste danzatrici: i braccialetti di perline dorate, i capelli fatti con lana arricciata ad imitare i boccoli, i bouquet di fiori, il ventaglio ottenuto deformando con un coltello incandescente una bottiglia di chinotto, che l’artista adora. Molti dei materiali vengono acquistati dopo un’attenta selezione, per ottenere gli effetti desiderati, ma numerosi sono anche i materiali di recupero, che vengono completamente trasformati.

Il maestro di ballo
Un personaggio ha decisamente attratto la nostra attenzione: si tratta del maestro di ballo, realizzato partendo da una bambolina paffutella a cui è stato completamente ridipinto il viso, con l’aggiunta di un naso pronunciato, dei capelli bianchi di seta sfilacciata e dei mustacchi, come ci spiega la stessa Rossana con un sorriso.

 
Dettaglio col maestro di ballo


Sul retro del costume campeggia la firma di Degas, creata con del pannolenci nero dopo un accurato studio al computer.


 La firma di Degas

Se qualcuno ancora avesse dei dubbi sul soggetto di quest’opera, la firma li fuga tutti.
Dopo De Chirico, Klimt, Chagall, Ernst, Veronese e tanti altri, quest’anno l’omaggio va ad un altro grande nome della pittura, con una rivisitazione unica, originalissima.

Per chi desiderasse scoprire tutti i costumi realizzati da Rossana in più di trent’anni, consigliamo il bellissimo libro “Rossana Molinatti e l’arte di indossare l’arte”.


 Il libro di Rossana

Vi invitiamo a venirci a trovare durante il Carnevale: se saremo fortunati incontreremo la nostra cara Rossana e, perché no, ci fermeremo a fare due chiacchiere con le sue ballerine!